La FIGC ha reso noto quello che sarà il meccanismo di promozioni/retrocessioni nel prossimo campionato di Lega Pro in I e II Divisione. Vi riportiamo il comunicato emesso dalla stessa Federazione.

Pallone Lega Pro 2012

Pallone Lega Pro 2012 (foto dalla rete)

Vi proponiamo quelle che sono le regole riguardo il meccanismo di promozioni e retrocessioni che regoleranno il prossimo campionato di Lega Pro che dovrebbe essere l’ultimo con I e II Divisione. Sembra, infatti, che dal 2013/14 ci sarà una Lega Pro unica.

Campionato di I Divisione 2012/2013
Promozioni
Le squadre classificate al 1° e 2° posto di ogni singolo girone acquisiscono il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al Campionato di Serie B. L’individuazione delle suddette squadre avviene con le seguenti modalità:
1) La squadra prima classificata in ogni girone acquisisce automaticamente il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al Campionato di Serie B.
2) La determinazione della seconda squadra che, in ogni girone, acquisirà il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al Campionato di Serie B avviene dopo la disputa di play-off tra le squadre che, a conclusione del Campionato, si sono classificate al secondo, terzo, quarto e quinto posto, secondo la seguente formula:
a) la squadra seconda classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra quinta classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra quinta classificata;
b) la squadra terza classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra quarta classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra quarta classificata; 2
c) a conclusione delle due gare di cui ai punti a) e b), in caso di parità di punteggio, dopo le gare di ritorno, per determinare la squadra vincente si tiene conto della differenza reti; in caso di ulteriore parità viene considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato (non si disputano i tempi supplementari);
d) le squadre vincenti le gare di cui ai punti a) e b) disputano una gara di andata e una di ritorno. La gara di andata viene disputata sul campo della squadra in peggior posizione di classifica al termine del Campionato. A conclusione delle due gare, in caso di parità di punteggio, dopo la gara di ritorno, per determinare la squadra vincente si tiene conto della differenza reti; verificandosi ulteriore parità verranno disputati due tempi supplementari di quindici minuti ciascuno. Nel caso permanga parità dopo i tempi supplementari, verrà considerata vincente la squadra in miglior
posizione di classifica al termine del Campionato.
e) la squadra vincente dopo le due gare di cui al punto d) si intende classificata al secondo posto del girone ed acquisisce, conseguentemente, il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al Campionato di Serie B.


Retrocessioni
Le squadre classificate al 15°, 16° e 17° posto del Girone A e al 14°, 15° e 16° posto del Girone B
retrocedono al Campionato di II Divisione.
L’individuazione delle suddette squadre avviene con le seguenti modalità:
1) la squadra classificata al 17° posto del Girone A e al 16° posto del Girone B retrocede
automaticamente al Campionato di II Divisione;
2) la determinazione delle altre due squadre (15° e 16° posto per il Girone A e 14° e 15° posto per il Girone B) che debbono retrocedere al Campionato di II Divisione, avviene dopo la disputa di playout tra le squadre classificatesi al 16°, 15°, 14° e 13° posto per il Girone A e al 15°, 14°, 13° e 12° posto per il Girone B, secondo la seguente formula:

Girone A
a) la squadra 13a classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra 16a classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra 16a classificata;
b) la squadra 14a classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra 15a classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra 15a classificata;
c) a conclusione delle due gare di cui ai punti a) e b), in caso di parità di punteggio, dopo le gare di ritorno, per determinare la squadra vincente si tiene conto della differenza reti; in caso di ulteriore
parità viene considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato (non si disputano i tempi supplementari);
d) le squadre che risultano perdenti nelle gare di cui ai punti a) e b), verranno classificate rispettando l’ordine acquisito nella graduatoria al termine del Campionato al 15° e 16° posto e, conseguentemente, retrocedono al Campionato di II Divisione.

Girone B
a) la squadra 12a classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra 15a classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra 15a classificata;
b) la squadra 13a classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra 14a classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra 14a classificata;
c) a conclusione delle due gare di cui ai punti a) e b), in caso di parità di punteggio, dopo le gare di ritorno, per determinare la squadra vincente si tiene conto della differenza reti; in caso di ulteriore
parità viene considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato (non si disputano i tempi supplementari);
d) le squadre che risultano perdenti nelle gare di cui ai punti a) e b), verranno classificate rispettando l’ordine acquisito nella graduatoria al termine del Campionato al 14° e 15° posto e, conseguentemente, retrocedono al Campionato di 2a Divisione.
La formazione delle classifiche finali di girone, al fine di individuare le squadre che acquisiscono il titolo sportivo per richiedere direttamente l’ammissione al Campionato di Serie B, quelle che retrocedono direttamente in 2a Divisione e quelle che debbono disputare i play-off ed i play-out, viene determinato come segue:
in caso di parità di punteggio fra due o più squadre, si procede alla compilazione di una graduatoria (c.d. “classifica avulsa”) fra le squadre interessate, tenendo conto dell’ordine:

a) dei punti conseguiti negli incontri diretti;
b) a parità di punti, della differenza tra le reti segnate e quelle subite negli stessi incontri;
c) della differenza tra reti segnate e subite negli incontri diretti fra le squadre interessate;
d) della differenza fra reti segnate e subite nell’intero Campionato;
e) del maggior numero di reti segnate nell’intero Campionato;
f) del minor numero di reti subite nell’intero Campionato;
g) del maggior numero di vittorie realizzate nell’intero Campionato;
h) del minor numero di sconfitte subite nell’intero Campionato;
i) del maggior numero di vittorie esterne nell’intero Campionato;
l) del minor numero di sconfitte interne nell’intero Campionato.
Alle gare di play-off e play-out si applica la normativa di cui all’art. 57 n. 2 delle N.O.I.F.

Campionato di 2a Divisione 2012/2013
Promozioni
Le squadre classificate al 1°, 2° e 3° posto di ogni singolo girone acquisiscono il titolo sportivo per richiedere l’ammissione alla 1a Divisione.
L’individuazione delle suddette squadre avviene con le seguenti modalità:
1) La squadre 1ª e 2ª classificata in ogni girone acquisiscono automaticamente il titolo sportivo per richiedere l’ammissione alla 1a Divisione.
2) La determinazione della 3ª squadra che, in ogni girone, acquisirà il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al Campionato di 1ª Divisione avviene dopo la disputa di play-off tra le squadre che, a conclusione del Campionato, si sono classificate al 3°, 4° , 5° e 6° posto, secondo la seguente formula:
a) la squadra 3ª classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra 6ª classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra 6ª classificata;
b) la squadra 4ª classificata disputa una gara di andata ed una gara di ritorno con la squadra 5ª classificata; la gara di andata viene disputata sul campo della squadra 5 ª classificata;
c) a conclusione delle due gare di cui ai punti a) e b), in caso di parità di punteggio, dopo le gare di ritorno, per determinare la squadra vincente si tiene conto della differenza reti; in caso di ulteriore parità viene considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato (non si disputano i tempi supplementari);
d) le squadre vincenti le gare di cui ai punti a) e b) disputano una gara di andata e una di ritorno. La gara di andata viene disputata sul campo della squadra in peggior posizione di classifica di termine del Campionato. A conclusione delle due gare, in caso di parità di punteggio, dopo la gara di ritorno, per determinare la squadra vincente si tiene conto della differenza reti; verificandosi ulteriore parità verranno disputati due tempi supplementari di quindici minuti ciascuno. Nel caso permanga parità dopo i tempi supplementari, verrà considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato;
e) La squadra vincente dopo le due gare di cui al punto d) si intende classificata al 3° posto del girone ed acquisisce, conseguentemente, il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al Campionato di 1ª Divisione. La formazione delle classifiche finali di girone, al fine di individuare le squadre che acquisiscono il titolo sportivo per richiedere direttamente l’ammissione al Campionato di 1ª  Divisione, e quelle che debbono disputare i play-off, viene determinata come segue: in caso di parità di punteggio fra due o più squadre, si procede alla compilazione di una graduatoria (c.d. “classifica avulsa”) fra le squadre interessate, tenendo conto nell’ordine:
a) dei punti conseguiti negli incontri diretti;
b) a parità di punti, della differenza tra le reti segnate e quelle subite negli stessi incontri;
c) della differenza fra le reti segnate e subite negli incontri diretti fra le squadre interessate;
d) della differenza fra le reti segnate e subite nell’intero Campionato;
e) del maggior numero di reti segnate nell’intero Campionato;
f) del minor numero di reti subite nell’intero Campionato;
g) del maggior numero di vittorie realizzate nell’intero Campionato;
h) del maggior numero di sconfitte subite nell’intero Campionato;
i) del maggior numero di vittorie esterne nell’intero Campionato;
j) del minor numero di sconfitte interne nell’intero Campionato.
Alle gare di play-off si applica la normativa di cui all’art.57 n.2 delle N.O.I.F. (“Gare effettuate a cura degli organi federali”).


Retrocessioni
Le squadre classificate al 15°, 16°, 17° e 18° posto dei Gironi A e B retrocedono al Campionato Nazionale di Serie D, oltre alla società perdente le gare finali play-out fra i due Gironi.
L’individuazione delle società retrocesse dal Campionato di 2ª Divisione al Campionato Nazionale Serie D per la stagione sportiva 2012/2013, in deroga all’art. 49 delle N.O.I.F. e ad ogni altra
disposizione federale in materia, avviene con le seguenti formule:

- Per il girone A (18 squadre), sono retrocesse direttamente al Campionato Nazionale di Serie D le squadre classificate al 18°, 17° e 16° posto al termine della stagione regolare. Al fine di determinare
le altre squadre retrocesse, le società classificate al 15° e al 14° posto al termine della stagione regolare disputeranno tra di loro i play out.

- Per il girone B (18 squadre), sono retrocesse direttamente al Campionato Nazionale di Serie D le squadre classificate al 18°, 17° e 16° posto al termine della stagione regolare. Al fine di determinare
le altre squadre retrocesse, le società classificate al 15° e 14° posto al termine della stagione regolare disputeranno tra di loro i play-out. I play out si disputano in gare di andata e ritorno, con gare di andata sul campo della squadra peggio classificata al termine del campionato regolare; in ogni girone la squadra che, a conclusione delle due gare, avrà ottenuto il minor numero di punti, retrocederà al Campionato Nazionale di Serie D. In caso di parità di punteggio, per determinare la squadra perdente, si tiene conto della differenza reti. In caso di ulteriore parità retrocede la squadra peggio classificata al termine del Campionato (non si disputano tempi supplementari).

Le squadre rispettivamente vincenti le gare di play-out nei due gironi disputano la finale di play-out con gare di andata e ritorno: per determinare la squadra che disputerà la partita di andata in casa
verrà effettuato sorteggio. Ottiene la permanenza nel Campionato di 2 ª Divisione, la squadra che, a conclusione delle due gare, ha ottenuto il maggior numero di punti; in caso di parità di
punteggio,per determinare la squadra vincente, si tiene conto della differenza reti. In caso di ulteriore parità, si darà luogo alla disputa di tempi supplementari; in caso di ulteriore parità, si effettueranno i tiri di rigore e la squadra vincente si determinerà secondo quanto previsto dalle regole del Giuoco del Calcio per la procedura con i tiri di rigore. La formazione delle classifiche finali di girone, al fine di individuare le squadre che retrocedono direttamente al Campionato Nazionale Dilettanti e quelle che debbono disputare i play-out, viene determinata come segue:
in caso di parità di punteggio fra due o più squadre, si procede alla compilazione di una graduatoria (c.d. “classifica avulsa”) fra le squadre interessate, tenendo conto nell’ordine:
a) dei punti conseguiti negli incontri diretti;
b) a parità di punti, della differenza tra le reti segnate e quelle subite negli stessi incontri;
c) della differenza fra le reti segnate e subite negli incontri diretti fra le squadre interessate;
d) della differenza fra le reti segnate e subite nell’intero Campionato;
e) del maggior numero di reti segnate nell’intero Campionato;
f) del minor numero di reti subite nell’intero Campionato;
g) del maggior numero di vittorie realizzate nell’intero Campionato;
h) del maggior numero di sconfitte subite nell’intero Campionato;
i) del maggior numero di vittorie esterne nell’intero Campionato;
j) del minor numero di sconfitte interne nell’intero Campionato.
Alle gare di play out si applica la normativa di cui all’articolo 57 delle N.O.I.F. (“Gare effettuate a cura degli organi federali”).