La Lega Serie A ha deciso di assegnare aVucinic il primo gol bianconero nella netta vittoria contro i partenopei

Primo gol Juve-Napoli

Primo gol Juve-Napoli (foto: legaseriea.it)

In questi ultimi giorni si è sentito parlare tanto di gol non-gol, di palloni che varcano la fatidica linea bianca di poco o di tanto ma questa volta parliamo di un gol visto ed assegnato ma di cui è discusso sulla sua paternità. Ci riferiamo alla prima rete della gara Juventus-Napoli di ieri sera (domenica 1°aprile), rete che ha sbloccato il risultato e che in un primo momento è stato attribuito a Leonardo Bonucci il quale anche nelle interviste del dopo partita aveva detto che il pallone, calciato dal suo compagno Vucinic, è stato toccato da lui e poi dal difensore del Napoli Paolo Cannavaro e aveva anche dedicato la segnatura alla sua famiglia.

Con una decisione a sorpresa la Lega di Serie A ha invece deciso di attribuire la rete a Mirko Vucinic tirando in ballo anche “le linee guida della lega di Serie A per l’assegnazione di gol dubbi” che indicano, all’articolo 1, che “non è considerato autogol un tiro nello specchio deviato da un difensore” e all’articolo 2A che “nel caso di un tiro indirizzato nello specchio deviato involontariamente in rete da un proprio compagno la marcatura sarà assegnata all’autore originario del tiro”.


La decisione, fanno sapere dalla Lega, è arrivata dopo una attenta analisi delle immagini a disposizione della stessa dove “si evince che la deviazione sulla conclusione di Vucinic è del difensore del Napoli Cannavaro, e non di quello della Juventus Bonucci. Non avendo comunque assoluta certezza sul fatto che anche Bonucci poco prima tocchi il pallone o meno, ai fini della decisione finale interviene un altro criterio determinante. Appare infatti certo il movimento di Bonucci a “scansarsi” dalla traiettoria del pallone compiendo un balzo all’indietro, per cui, se anche avesse sfiorato la palla, lo avrebbe fatto in modo del tutto involontario”.

Dopo le tante parole spese per i gol non visti e più o meno evidenti, magari si spenderanno tante parole anche per questa decisione che non farà piacere a Bonucci che ritorna dopo meno di 24 ore a quota uno mentre magari farà felice il suo compagno Vucinic che si vede assegnato il sesto gol stagionale.

Enrico Tassotti