Vi presentiamo uno dei probabili colpi che la dirigenza clivense metterà a segno nel mese di gennaio.

Nicola Bellomo in azione con la maglia del Bari (foto della rete)

Nicola Bellomo in azione con la maglia del Bari (foto della rete)

Dopo i botti di Capodanno, ecco che sono cominciati anche quelli del calciomercato. I nostri preferiti (amanti del calcio non negatelo!). Qualche affare è appena terminato, altri sono già alle battute conclusive, ne abbiamo alcuni ancora stazionari alle primissime fasi embrionali. Insomma, sembra che nemmeno quest’anno ci annoieremo. Il mese di fuoco del calciomercato è iniziato e anche per il Chievo Verona che si appresta a recitare una parte da protagonista. A dimostrazione di ciò, basti vedere l’interesse dei clivensi nei confronti di uno dei maggiori protagonisti dell’attuale cadetteria: Nicola Bellomo.

Questo giovane centrocampista di 21 anni sta trascinando il Bari a suon di gol, assist e giocate geniali, da predestinato. Nei suoi confronti hanno già posato gli occhi alcune compagini della massima serie come Fiorentina e Genoa. C’è però un particolare che non va sottovalutato: il ds gialloblu Giovanni Sartori si è mosso per tempo e la scorsa estate ebbe l’intuizione di “bloccare” questo fiore non ancora totalmente sbocciato. Risultato? Il Chievo ne acquisisce la comproprietà per pochi spiccioli e decide di lasciarlo maturare nell’ardente sole della Puglia.


Ebbene, visto l’ottimo rendimento del giocatore, ora quella metà vale qualche milione di euro! L’inaspettato (ma forse neanche tanto!) exploit del ragazzo, sta seriamente spingendo la squadra della diga ad anticipare i tempi di sei mesi, acquisendo il calciatore già nel mese di gennaio. Non ci dovrebbero essere molti ostacoli: innanzitutto è impensabile che Bellomo possa rinunciare ad una chiamata del genere, basterà quindi trovare un accordo economico col Bari riguardante la seconda metà del suo cartellino, quella ancora in mano ai pugliesi. Poi i giochi saranno fatti ed il Chievo, essendosi mosso in anticipo, si aggiudicherà le prestazioni di un giovane emergente dalle rosee prospettive future. La dirigenza gialloblu ha acceso la miccia del primo botto del 2013. Difficilmente farà cilecca. Le premesse sono favorevoli, ma nella vita mai dire mai.

Nicola Ledri