Dopo le debacle europee le italiane si rituffano nel campionato. Tra le partite più interessanti Fiorentina-Milan per la Champions e il derby Roma-Lazio per l’onore.

Fantacalcio (foto dalla rete)

Fantacalcio (foto dalla rete)

Più le partite a disposizione diminuiscono, più i punti in palio valgono oro. Prenderseli potrebbe assumere un valore inestimabile, questione di vita o di morte. Per tante squadre in Serie A, e per tante squadre di centinaia Fanta-campionati.
Come di consueto noi di TuttoCalciatori.Net saremo la vostra guida. Andate sul sicuro, non potete più sbagliare. Di seguito i nostri consigli e le ultime sulle formazioni!


PORTIERI
: Fiducia per Handanovic e…Storari. Lo sloveno dell’Inter sta tenendo in piedi la baracca con interventi mostruosi. A San Siro arriva un’Atalanta tutto sommato tranquilla e se l’Inter vorrà alimentare il sogno Champions dovrà forzatamente ottenere bottino pieno. Il no di riflesso va a Ciro Polito, il 12esimo orobico che sostituirà lo squalificato Consigli. Dicevamo via libera a Storari, il secondo di Buffon che, influenzato, si avvarrà di una domenica di libertà in vista del ritorno di Champions.


L’ex Milan e Samp potrebbe essere penalizzato dal lungo periodo di inattività ma il suo valore non si discute ed il Pescara onestamente non può impensierirlo più di tanto. Da valutare attentamente De Sanctis vs Frey in Napoli-Genoa, scontro dalla doppia valenza. I partenopei in casa sono costretti a spingere sull’acceleratore per prendersi la vittoria che garantirebbe loro di rimanere davanti al Milan prima dello scontro diretto in programma la prossima settimana, il Genoa invece potrebbe agire di rimessa per far mare e strappare punti vitali in ottica salvezza.

Comunque ci sentiamo di dire De Sanctis favorito su Frey. Sfide incognite tra i capitolini Stek e Marchetti, perchè il derby è sempre il derby e tra Viviano e Abbiati per l’importanza talmente grande della partita. Bologna-Torino, Catania-Cagliari, Udinese-Chievo sono match tra squadre relativamente tranquille, qualcuna ancora non salva matematicamente ma ormai prossima all’obiettivo.

Potrebbero rivelarsi quindi confronti ‘tatticamente allegri’ e con molte occasioni da gol. Curci, Gillet, Andujar, Agazzi, Brkic, Puggioni sono avvisati. In coda il Siena (Pegolo) deve sfruttare il turno tra le mura amiche contro il Parma (Mirante), e il Palermo rinfrancato dalla vittoria sulla Roma fa visita alla Samp (Romero) con il dubbio Sorrentino, influenzato (si scalda Benussi).



DIFENSORI
: Tanti gli squalificati. La Juventus deve fare a meno di Barzagli e Chiellini ma francamente Marrone e Peluso (insieme al titolare Bonucci) non dovrebbero avere grossi imbarazzi nel trovarsi di fronte a Sforzini o Abbruscato. Sulla destra agirà Lichtsteiner che non potrà essere utilizzato mercoledì prossimo in Champions poichè fermato per un turno. Stop pesante potrebbe essere quello del regista difensivo viola Gonzalo Rodriguez.

Accanto a Tomovic e Savic giocherà Compper (bocciato definitivamente Roncaglia che dopo una grande prima parte di stagione non si è confermato). Pasqual sarà il solito stantuffo sulla sinistra. Altro Rodriguez squalificato è Guillermo del Toro, ma i tifosi granata non si preoccuperanno troppo viste le sue ultime prove. Tornerà titolare Ogbonna. Chi ha le ossa rotte è il Chievo, che vanta ben 3 difensori al palo: Andreolli-Dainelli-Dramè. Ci sarà l’occasione di giocare per quei giocatori come Cesar e Acerbi che devono ritrovarsi.

Gli altri ‘stoppati’ per limite di gialli sono Murru, Manfredini, Motta, Munoz, Piris, Felipe più l’espulso Lucchini. Se il Catania sta disputando un campionato sopra le righe, molto lo deve a Spolli, Marchese e Legrottaglie (al di fuori dell’ episodio dell’autorete nell’ultimo turno) che meritano la vostra titolarità. Nel Milan sono cresciuti esponenzialmente Abate-De Sciglio-Mexes-Zapata che non beccano gol da moltissimi minuti. La prossima gara a Firenze sarà però la prova del 9 ed il rischio di esser penetrati c’è eccome.

Nell’Inter Samuel è chiamato a dare tranquillità ad un reparto che ha perso le sue sicurezze e che le deve ritrovare (vedi Ranocchia). Nel Napoli giocheranno Campagnaro-Cannavaro-Gamberini, nel Genoa Portanova-Granqvist-Moretti. Roma-Lazio è il derby dell’incostanza: Marquinhos-Castan-Burdisso una volta garantiscono solidità, quella dopo si sbriciolano inesorabilmente, un po’ come accade a Cana e Radu (Diaz e Konko non ci sono, Biava sembra aver perso la fiducia di Petkovic).



CENTROCAMPISTI
: Fuori Poli, Barrientos, Cossu, Gargano, Cofie per squalifica. In Champions si è vista l’importanza dei centrocampisti della Juve. Se non girano loro, la squadra si inceppa. Considerando che il Pescara non è il Bayern i bianconeri dovrebbero stavolta carburare senza intoppi. Vidal è l’unico dei titolari che giocherà 90 minuti data la sua squalifica in Champions. A Pirlo non farebbe male un turno di riposo, così come a Marchisio, ma la sensazione è che almeno uno dei due sarà impiegato per agire accanto a Pogba.

Asamoah è tornato dall’Africa in riserva, col Pescara giocherà pur se il suo serbatoio sembra ancora mezzo vuoto. Fiorentina-Milan potrebbe essere un match che si deciderà a metà campo: Borja Valero contro Boateng, Pizarro contro Muntari, ma soprattutto l’ex rossonero Aquilani contro l’ex viola Montolivo che sicuramente sarà accolto al ‘Franchi’ da una selva di fischi. Occhio a Cuadrado, uomo rivelazione dei toscani.

Il Catania ha Lodi e Almiron in infermeria, spazio a Izco, Biagianti e Castro mentre Nainggolan garantisce voti positivi. Nell’Inter Kovacic ha messo le radici nel calcio italiano e da qui in poi potrà solo migliorare, Guarin paga un po’ di stanchezza mentre dovreste ‘bannare’ dal campo il nervosissimo Cambiasso, molto più dannoso che utile alla sua squadra con questo atteggiamento. Dall’altra parte del campo attenzione a Bonaventura.

Il talento marchigiano  vorrebbe coronare con un altro sigillo la sua splendida stagione sportiva. Nel Napoli oltre a ‘Superbike’ Maggio e ‘Marekiaro’ Hamsik è il centrocampo del nome nuovo: Dzemaili, che dopo la tripla col Torino, sembra aver scalzato il connazionale Inler. Scelte motivate sarebbero Lamela, Florenzi, Hernanes, Candreva, Diamanti, Obiang, Krsticic, Ilicic, Rosina, Biabiany.



ATTACCANTI
: Mazzata Inter: dopo aver già perso Milito, i meneghini devono fare i conti con l’infortunio muscolare di Palacio. L’argentino rimarrà fuori un paio di settimane abbondanti. Via libera quindi a nonno Rocchi, al fianco di Cassano. Pericolo Livaja: a San Siro arriva la giovane punta che fino a gennaio si era messa in luce in Europa proprio con la maglia nerazzurra, salvo poi entrare nel giro di mercato che ha visto l’arrivo a Milano di Schelotto. Il Tanque Denis da un paio di stagioni sta superando di gran lunga la doppia cifra e si è guadagnato un’alta quotazione pur se bucare Handanovic sarà missione ardua.

Nel Bologna non segna da un pò Gilardino e una sua gioia contro il Torino è più che possibile. Toro che si affiderà alle sgroppate di Cerci. Barreto e Meggiorini hanno fatto entrambi centro l’ultima volta, ma non sono esattamente bomber implacabili. L’ex capitano Bianchi sarà ancora una volta sacrificato in panca per via del suo contratto in scadenza. In Catania-Cagliari di certo non mancheranno le opportunità per Bergessio-Gomez e Sau-Pinilla (rinfrancato dalla doppietta alla Fiorentina).

A proposito di Viola, i toscani devono fare a meno dell’ infortunato Jovetic e puntano tutto sul tandem Ljajic-Toni, di fronte ad un Milan che vanta Balotelli-El Shaarawy (se segna uno, non segna l’altro, e il Faraone vive un momento di stanca). Nella Juve toccherebbe a Matri-Vucinic, con gli altri possibili sorprese dell’ultimo minuto. Il Siena si aggrappa alle prodezze dell’ ex sconosciuto Innocent Emeghara, mentre il Parma può contare sulla vena ritrovata di Amauri.

Al Friuli sarà sfida tra due punte che non segnano da qualche giornata di troppo, ovvero Di Natale e Paloschi, e si ha l’impressione che almeno uno dei due riuscirà a sbloccarsi. Nella Roma è squalificato Osvaldo e con Destro ancora lontano dalla forma migliore il perno avanzato sarà Totti. Nella Lazio invece, data l’indisponibilità di Floccari, il ritardo di condizione di Klose e le polveri bagnate di Kozak in campionato, potrebbe giocare Saha dal 1′. Chiusura per Cavani: il capocannoniere si è lasciato alle spalle il periodo buio ed ha ricominciato a bombardare i portieri avversari.

Lorenzo Attorresi