La sua storia.stindlNotti magiche. I tedeschi in Italia le hanno vissute nel 1990. Ieri hanno replicato grazie ad un uomo in particolare. Lars Stindl tre gol in una sola partita fra i professionisti non li aveva ancora mai segnati. Ci è riuscito ieri in 11 minuti. E lo ha fatto in terra nostra, a Firenze. In tutto il 2016 il Borussia Borussia Mönchengladbach in trasferta aveva vinto solo una partita, in casa del Darmstadt all’ultima dello scorso campionato. Nel 2017 però tutto è cambiato. Il vento è girato a Leverkusen.

A fine primo tempo il Borussia era sotto 2-0, ha vinto 3-2 con la doppietta di Stindl. Ieri è stato ancora lui a trascinare il Gladbach. Pesante soprattutto il primo gol. Quello su rigore. Il Mönchengladbach in stagione ne aveva sbagliati 3 su 3. Visti i precedenti quel pallone, in quel momento della partita, pesava tantissimo. Un leader. Non a caso al Borussia gli hanno dato la fascia dopo un solo anno. Stindl però con l’Italia ha un rapporto particolare, e non da ieri. E chissà, che non ne possa approfittare perfino Ventura…

Intervistato dalla Gazzetta Lars si è detto appassionato della Serie A. “Il vostro calcio lo definisco l’“amore-Fussball”. Avrà sempre uno charme particolare, avrà sempre qualcosa di magico”. Il nostro campionato lo ha sempre intrigato. In passato, quando dominava il mondo, ma anche ora che è in ripresa. “Avete fatto la storia col catenaccio, vantate trionfi eccezionali sia con la nazionale che con i club. Tutto questo rende il vostro calcio affascinante ancora oggi”. In Germania oggi lo stanno comprensibilmente celebrando tutti. E sorprende che Löw non lo abbia ancora convocato in nazionale. “Vivo da emerita – ha spiegato scherzando alla Gazzetta –, non ho il cellulare, né un numero di casa. Per questo non riesce a contattarmi. Ma comunque io ho un altro piano: potrei anche riuscire a trovare un antenato italiano nel mio albero genealogico e ottenere il passaporto…”. Sia chiaro, l’antenato italiano purtroppo Lars non ce l’ha. La sua era una provocazione, una battuta. Forse un desiderio, visto quanto è affascinato dal nostro calcio, ma nulla più di questo. A meno di clamorosi colpi di scena continuerà a far vivere notti magiche ai tedeschi…