I bianconeri sotto di due gol per ben due volte non si arrendono e conquistano un buon punto mantenendo l’imbattibilità

Simone Pepe

Simone Pepe (foto dalla rete)

Sei gol, un rigore realizzato e poi ribattuto e sbagliato e tante altre occasioni è questo il recupero tra Napoli e Juventus che è finito con uno spettacolare 3-3 e con la consapevolezza che gli uomini di Conte hanno la stoffa della grande squadra ed il carattere di recuperare per ben due volte due gol di scarto. Il primo tempo è frizzante e ricco di emozioni. Al quarto d’ora Pirlo stende Lavezzi in area e per Tagliavento è rigore: batte Hamsik e realizza ma l’arbitro fa ripetere perché due giocatori del Napoli sono entrati in area prima che lo slovacco calciasse e fa ripetere. Il secondo tentativo dell’attaccante napoletano non è fortunato e calcia alto. Il Napoli non si perde d’animo e lo stesso Hamsik mette dentro il gol dell’1-0. Gli azzurri non demordono e la Juventus è alle corde e Pandev realizza il 2-0 con cui si va al riposo. Nell’intervallo Antonio Conte si fa sentire eccome ed entra in campo una Juve diversa che aggredisce l’avversario ed infatti Matri riesce a ridurre le distanze. Ci pensa di nuovo Pandev a riportare i suoi a +2 ma neanche il tempo di esultare che il giovane Estigarribia segna il punto del 3-2 per i bianconeri.

Tutto da rifare e partita di nuovo riaperta. La Juve è sempre più aggressiva ed il Napoli è sulle gambe ed arriva il pareggio: è una invenzione di Simone Pepe che inizia l’azione da centrocampo e salta come birilli gli avversari, poi sfrutta un rimpallo favorevole e sfonda la difesa azzurra fino a realizzare il clamoroso pareggio. Termina così una gara bellissima con la Juve che si porta a quota 26 a +2 su Milan ed Udinese. Il Napoli sale a 17 e aggancia Roma e Catania.


NAPOLI-JUVENTUS 3-3 (2-0)

MARCATORI: Hamsik (N) 22′, Pandev (N) 40′ p.t.; Matri (J) 3′, Pandev (N) al 23′, Estigarribia (J) 27′, Pepe (J) 34′ s.t.

NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica (dal 31′ s.t. Fernandez); Maggio, Inler, Gargano, Zuniga (dal 42′ s.t. Dossena); Hamsik, Pandev (dal 26′ s.t. Santana), Lavezzi. (Rosati, Fideleff, Dzemaili, Mascara). All. Mazzarri

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Pepe (dal 40′ s.t. Pazienza), Estigarribia; Matri (dal 44′ s.t. Quagliarella), Vucinic (dal 46′ s.t. Del Piero). (Storari, De Ceglie, Krasic, Giaccherini). All. Conte

ARBITRO: Tagliavento di Terni (Stefani-Faverani).

NOTE: spettatori 55 mila circa. Ammoniti: Bonucci (J), Hamsik (N), Lichtsteiner (J), Maggio (N), Matri (J), Pandev (N), Vidal (J). Calci d’angolo: 3-5. Recupero: 1’p.t., 3′ s.t.