Continua la mini-rubrica di TuttoCalciatori.net che analizza i migliori giovani della Serie B. Occhio ai talenti di Livorno e agli assistiti di Raiola 

Federico Dionisi

Federico Dionisi

La Serie B continua tra sorprese e conferme. Stessa cosa per la mini-rubrica di TuttoCalciatori.net “Quei talenti di Serie B mai tanto pubblicizzati” che punta a presentare i migliori giovani della serie cadetta, con un occhio di riguardo a coloro i quali finiscono molto raramente sotto i riflettori.

L’Inter punta sui giovani e negli anni ha pensato a rafforzare la sua “cantera”. Tra i prodotti più interessanti delle giovanili neroazzurre vi sono Francesco Bardi e Lorenzo Dell’Agnello, mandati in prestito al Livorno a farsi le ossa. I due eroi della scorsa edizione della “Viareggio Cup” stanno crescendo sotto il punto di vista tecnico e, cosa più importante, sotto quello comportamentale, nella loro città natìa. Il portierone dell’Under 21 è sceso in campo in 18 occasioni, nelle quali ha messo in mostra le sue ottime qualità che fanno ben sperare in casa neroazzurra. L’attaccante, classe ’92 come Bardi, è una prima punta dall’innato fiuto del goal che può far reparto da solo e può far da attaccante boa.

Detto dei due talentini scuola Inter, proponiamo adesso tre talenti sudamericani: Jonathas, Brugman e Juan Antonio. Jonathas, assistito da Mino Raiola, fu proposto lo scorso anno al Milan, ma a puntare su di lui fu il Brescia. Il brasiliano, che ha giocato al Cruzeiro e all’Az Alkmaar nonostante sia solo un ’89, non piace a tutti per il suo modo di giocare troppo incentrato sulla ricerca del dribbling. Ma per gli avversari non è mai un piacere trovarselo di fronte, come dimostrano i 9 goal in 17 presenze di questo marcantonio di un metro e novanta.


Stesso procuratore ma squadra diversa per Gaston Brugman, uruguaiano classe ’92 dotato di un sinistro fatato. Ad Empoli ha fatto faville nella Primavera e dallo scorso anno è nel giro della Prima squadra. E Raiola lo ha già promesso al Napoli!

Juan Antonio è l’ennesima scoperta del Brescia in Sud America. Dotato di passaporto italiano, il fantasioso trequartista nato in Argentina nel 1988 è stato ceduto nel mercato di gennaio alla Sampdoria in una maxi operazione che ha coinvolto anche Foti.

Federico Dionisi è il più lampante esempio di talento mai pubblicizzato. Classe ’87, l’attaccante del Livorno viene da un paio di stagioni ad altissimo livello: 10 goal nella seconda parte della stagione 2009/10 con la maglia della Salernitana; 10 goal lo scorso anno col Livorno, e 7 reti in 18 partite in questa prima parte di campionato con la maglia amaranto. La sua rapidità, velocità di esecuzione e freddezza ne fanno uno degli attaccanti più forti della Serie B: se ne accorgerà qualcuno della massima serie?

Gianluca Pepe