I rossoneri nonostante il vantaggio di 4 gol rischiano l’eliminazione grazie ad una prestazione superba dei Gunners. Fuori Spalletti

Cristian Abbiati

Cristian Abbiati (foto dalla rete)

Il timore alla vigilia era che potesse essere presa sotto gamba come gara ma il Milan tutto pensava meno che potesse rischiare di andare ai tempi supplementari. L’Arsenal ha messo corsa e cuore in campo e ha chiuso all’angolo i rossoneri che hanno subìto per tutto il primo tempo chiuso sullo 0-3 per i gol di Koscielny (7′), Rosicky( 26′) e rigore di Van Persie (43′) con Abbiati che è dovuto intervenire in almeno due interventi per evitare il pesante passivo.

Nella ripresa si vede un Milan un pò più volenteroso visto che l’Arsenal comincia a lasciare qualche spazio ma sono i Gunners ad avere la palla dei supplementari con Cristian Abbiati che compie un autentico doppio miracolo prima su Gervinho (di piede) e poi su Van Persie che da distanza ravvicinata si divora un gol incredibile permettendo all’estremo difensore rossonero di respingere di braccio.


Nel finale il Milan ha qualche occasione per passare ma alla fine a denti stretti riesce a portare a casa i quarti di finale. Allegri a fine gara ha dichiarato di non aver avuto paura di uscire ma che, soprattutto nel secondo tempo, aveva la sensazione che i suoi avrebbero potuto segnare in qualunque momento. Alla fine la qualificazione l’hanno portata a casa i giocatori di maggior esperienza.

Nell’altra gara della serata il Benfica elimina lo Zenit San Pietroburgo di Spalletti e Criscito. I portoghesi hanno vinto per 2-0 con gol di Maxi Pereira (46′) e Nelson Oliveira in pieno recupero di secondo tempo.

Enrico Tassotti