La Questura di Caserta ha emesso 85 Daspo per i tifosi della Nocerina rei di aver saccheggiato l’area di servizio di Teano Ovest, nel casertano.

Logo Nocerina (foto dalla rete)

Logo Nocerina (foto dalla rete)

Caserta – Lo scorso 30 settembre è andata in scena, allo stadio Comunale “Matusa” di Frosinone, il match FrosinoneNocerina valevole per il Campionato Nazionale di Lega Pro I Divisione girone B terminato 2-2. Di ritorno dalla trasferta in terra ciociara, un gruppo di ‘pseudo tifosi’ della Nocerina, ha effettuato una sosta presso l’area di servizio Teano Ovest, nel casertano; un tranquillo punto di ristoro si è trasformato in una feroce area saccheggio di alimenti e bevande.

Intervenuti sul posto, la Polizia Stradale di Caserta ha immediatamente proceduto alla segnalazione ed identificazione dei protagonisti di tali atti vandalici, rei di essersi macchiati di varie condotte criminose; la Polizia ha inoltre acquisito le immagini trasmesse videocamere a circuito chiuso installate nell’esercizio commerciale. Il risultato di questo pomeriggio di ordinaria follia è stato 85 provvedimenti daspo emessi dal Questore di Caserta, Giuseppe Gualtieri.


Ai tifosi molossi, responsabili del saccheggio il “divieto di accesso ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive”. E’ inoltre previsto l’obbligo, per i ‘daspati‘, di presentazione alla polizia giudiziaria territorialmente competente negli intervalli immediatamente antecedenti e successivi alla disputa di incontri calcistici della Nocerina, anche se in trasferta.

Peraltro, il Daspo concerne qualsiasi genere di evento sportivo agonistico, nel caso intervengano club professionisti e dilettanti, relativo ai campionati nazionali, ai tornei internazionali Uefa ed a tutte le circostanze concernenti partite amichevoli della squadra nazionale italiana o di altre compagini rappresentative estere sul territorio nazionale o degli Stati appartenenti all’ Unione Europea.

 

Mario Miccio