La Serie A si avvicina al giro di boa. Mancano solo tre partite alla fine del girone d’andata! Ecco i giocatori che vi consigliamo per la giornata numero diciassette!

Fantacalcio

Fantacalcio (foto dal web)

E’ iniziata la volata per laurearsi campione d’inverno. Partecipano Juventus, Inter e Napoli, ma anche voi, che con i vostri amici sarete senz’altro in competizione per raggiungere la vetta del Fantacalcio! Ogni maledetta domenica bisogna ottenere il massimo e per farlo è indispensabile studiare i nostri consigli settimanali. Eccoli!

PORTIERI: L’eterno Gigi Buffon parte in pole position tra gli estremi difensori che potrebbero farvi felici. Il capitano juventino guida la miglior difesa del campionato che ha tutte le carte in regola per disinnescare gli avanti atalantini. Scintille sabato sera all’Olimpico tra Marchetti e Handanovic, due ottimi portieri che si troveranno di fronte attacchi temibili. Probabilmente non terminerà 0-0, ma entrambi avranno la possibilità di dimostrare il proprio valore.

Noi confermeremo Viviano (il problemino all’anca non preoccupa). Sicuramente il fiorentino vorrà rifarsi dopo gli errori di settimana scorsa e il Siena non è la classica squadra che quando ti trovi ad affrontarla ti sale il cuore in gola. La sorpresona potrebbe essere Goicoechea (ormai titolare a discapito di Stekelenburg): dove arriva Zemanlandia fioccano i gol, ma il Chievo non è esattamente una squadra che segna caterve di reti (anche se nelle due ultime partite ne ha realizzate sei).


Amelia sembra aver superato Abbiati nelle gerarchie e si appresta ad affrontare un Pescara che a San Siro è destinato più a contenere che a offendere. Per questo, di riflesso bocciamo ancora Perin (ci dispiace, il ragazzo ha comunque doti importanti). Sorrentino rischia tantissimo, così come Consigli, Agliardi e Pegolo. In Genoa-Torino, tra i Frey e i Gillet di questo periodo c’è da farsi il segno della croce e pregare, pregare, pregare. Brkic e De Sanctis sono affidabili, Pavarini del Parma potrebbe rilevare l’acciaccato Mirante.

DIFENSORI: cercate voti ‘puliti’ o +3 pesanti? Il difensore corretto che prende pochi cartellini ed è penalizzato così da pochi malus già porta punti preziosi, se poi è bravo in zona gol fa la differenza, un +3 ricevuto dalla vostra prima linea è pesantissimo! Legrottaglie, Andreolli, Neto, Ranocchia, Danilo, Angella e soprattutto i viola Savic, Roncaglia e Rodriguez sono fondamentali. Ammettiamo che le loro squadre perdessero e loro stessi facessero errori decisivi in fase difensiva, nel caso riuscissero comunque a segnare porterebbero nelle vostre tasche un voto importante (ipotizziamo un 4,5 o 5 + 3= 7,5 o 8), per cui sono da schierare sempre, qualunque siano le avversarie.

Considerate anche che le piccole squadre per far male alle grandi devono sfruttare al massimo le palle inattive, calci d’angolo, punizioni, e chi più dei difensori alti 190 cm possono colpire? Attenzione anche a quelli che ancora devono sbloccarsi ma qualche gol all’anno lo fanno sempre (Chiellini, Paletta). Tra i centrali ‘con i guanti bianchi’ abbiamo Manfredini, Savic, Gamberini, più i terzini portati a spingere (Basta, Pasqual, Nagatomo, Marchese, Lichtsteiner).

No ai soliti volti noti (pescaresi e torinisti in crisi). La sorpresa potrebbe essere stavolta il capitano del Bologna Portanova. Il roccioso centrale rientra dopo mesi di squalifica dovuta a una presunta omessa denuncia. Sarà stato davvero colpevole? Egli si è sempre dichiarato innocente e comunque quel che per lui conta in questo momento è che potrà tornare a giocare.

CENTROCAMPISTI: Attenzione a Pjanic (deve smaltire un affaticamento). Il bosniaco non era ‘visto’ da Zeman poi infortuni e squalifiche l’hanno promosso titolare, lui ha sfruttato l’occasione ed ora sembra francamente inamovibile, come imprescindibile è Florenzi, vero motorino del centrocampo romanista. De Rossi (contuso a un piede)-Taxi-e Bradley sono in ballottaggio l’un con l’altro. Nella Fiorentina è squalificato Cuadrado mentre Borja Valero e Aquilani sembrano un pò stanchi dopo aver tirato la carretta.

Ci sarà il rientro del metronomo Pizarro, impossibile farne a meno. Per Pirlo e Marchisio è sempre paletta verde, da valutare il ginocchio di Vidal, ma già scalpita il nuovo Vieira Paul Pogba, un uomo di quantità e qualità in mezzo al campo. La mediana della Lazio è ultra competitiva così come quella dell’Inter e vanno riproposte tutte e due senza pensarci più di tanto.


Attenzione a Guarin che potrebbe partire dalla panca ma che sarà senz’altro in campo il secondo tempo con la possibilità di essere ugualmente decisivo (vedi il gol segnato da subentrato a Torino contro la Juve). Sì Inler, Hamsik ma anche Diamanti del Bologna che al San Paolo potrebbe far male con una punizione delle sue. Ok inoltre Lodi, Poli, Obiang e i milanisti Montolivo e Nocerino, quest’ultimo ritornato al rendimento di un tempo.

ATTACCANTI: El Shaarawy su tutti, il Faraone non si ferma ed è destinato a bucare anche la porta di Perin, suo ex compagno ai tempi della primavera del Genoa, e di certo le occasioni non gli mancheranno. Per non parlare di Cavani, e di Totti sul quale non abbiamo più parole da spendere, semplicemente unico. Destro (in vantaggio sul nervoso Osvaldo) è un pò incostante, proprio come la sua Roma, ma comunque dà sempre la sensazione di poter far male, anche se delle volte si perde in un bicchiere d’acqua.

Puntaste su di lui, potrebbe ripagarvi. Dall’altra parte del campo agirà Paloschi, un attaccante rapido capace di buttarsi nelle praterie della difesa della Roma. C’è qualcuno del Chievo che è in grado di dargli l’ultimo passaggio? Ragionate su questo e decidete il suo destino. Icardi ha il gol…sulla punta della scarpa e presto ne realizzerà uno, ma Catania è un campo difficile. Bergessio, segnando una doppietta la scorsa settimana, potrebbe avere finito i jolly, stavolta per gli etnei potrebbe realizzare Gomez. Nella Fiorentina si rivede Jovetic (dall’inizio?), mentre Immobile-Borriello non possono più fallire.

Klose-Milito è sfida tra fuoriclasse e le grandi sfide sono roba da campioni, ci sentiamo che almeno uno dei due marcherà. Cassano sembra aver perso lo smalto in zona gol ma continua a regalare assist vincenti ai suoi compagni. Nella Juve Vucinic e Giovinco sono in vantaggio su Quagliarella.  Tra Di Natale-Miccoli è sfida tra piccole taglie e ambedue hanno le stesse possibilità di incrementare il proprio bottino di reti. Stavolta, per il coefficiente di difficoltà delle sfide che si apprestano ad affrontare, consiglieremmo di far riposare Denis, Abbruscato e Gilardino e Calaiò.


Lorenzo Attorresi