La decisione ancora ufficiosa sul club parigino riguardo il fair play finanziario.

Nasser Al Khelaifi, presidente del PSG

Nasser Al Khelaifi, presidente del PSG

Il Paris Saint Germain e suoi tifosi possono tirare un sospiro di sollievo: non ci sarà blocco del calciomercato per sforamento dei parametri del fair play finanziario. E’ questa la decisione, non ancora ufficiale, ma molto vicina ad esserlo, che l’UEFA ha preso nei confronti del club parigino. A riferirlo il portale parigino Rmcsport il quale dice che il contratto d’immagine stipulato nel 2012 con il Qatar Tourism Authority, che rappresenta quasi la metà del reddito del club della capitale, deve essere abbassato.


“Sapendo che Parigi ha incluso nei suoi conti € 100.000.000 ritenuti non conformi dalla UEFA, deve pagare una somma – del valore di diversi milioni di euro – riscossi su tale reddito per rispettare le norme di entro la fine della prossima stagione. 
In sostanza, 
il PSG non sarà multato, ma compensato UEFA tramite il prelievo. Nel frattempo, la finestra di trasferimento successivo il club della capitale non sarà influenzato da questa decisione. Il PSG potrà comprare giocatori questa estate, ma dovrà trovare i fondi per giustificare le sue spese”.

Rmcsport continua citando questa fonte vicina all’Uefa che dice: “La UEFA non ha mai pensato di escludere PSG o il Manchester City dalla Champions League. Questi sono i club che permettono la UEFA per generare maggiori entrate e aumentare il valore del brand”.