L’ex calciatore francese si propone per le elezioni che si terranno la prossima primavera.

David Ginola  (foto www.reuters.com)

David Ginola (foto www.reuters.com)

David Ginola contro Blatter! Potrebbe essere questa la sfida cui assisteremo nei prossimi mesi per la presidenza della FIFA. L’ex talento incompreso della nazionale francese, oggi commentatore TV in Inghilterra, ha sorpreso il mondo del calcio con questa candidatura a sorpresa che da speranza ai detrattori di Joseph Blatter, “boss” dell’organizzazione che regge le fila del grande calcio dall’ormai lontano 1998.

Il quasi quarantottenne originario della Costa Azzurra si dice pronto ad entrare in scena per prendere il rilievo dello svizzero e ridare credibilità ad un movimento che dovrebbe esser basato sulla passione e che invece negli ultimi anni si è visto coinvolto in uno scandalo dietro l’altro, trasformandosi in un sport sempre più elitista e schiavo del mercato.

Sep Blatter  (foto www.dailystar.co.uk)

Sep Blatter (foto www.dailystar.co.uk)

Il congresso elettivo della FIFA si svolgerà il prossimo 29 Maggio a Zurigo in Svizzera, laddove Blatter cercherà di ottenere il suo quinto mandato, in uno scenario che potrebbe vederlo come unico candidato qualora gli altri papabili – gli unici ad essersi proposti finora sono Jérôme Champagne ed il principe di Giordania Ali Bin Al Hussein – non si presentassero.

Adesso l’ingresso in scena di Ginola, che però potrebbe essere poco più di una illusione: per presentare la candidatura (il cui termine ultimo è fissato per il 29 Gennaio), infatti, è necessario rispondere a determinati requisiti, quali aver partecipato attivamente nell’amministrazione del calcio in almeno due degli ultimi cinque anni ed avere la raccomandazione di almeno cinque paesi membri della FIFA. Requisiti che Ginola non sembra avere.

David Ginola ai tempi del Tottenham  (foto www.dailymail.com)

David Ginola ai tempi del Tottenham (foto www.dailymail.com)




David Ginola, brillante ala messasi in luce negli Anni Novanta, mosse i primi passi come calciatore professionista giocando per Tolosa, Racing Paris e Brest. Dal 1992 al 1995 vestì la maglia del Paris Saint Germain, con cui vinse una Ligue 1, due Coppe di Francia ed una Coppa di Lega francese.

L’estate precedente la “Sentenza Bosman” si trasferì nel Regno Unito, difendendo i colori di Newcastle United, Tottenham Hotspur (con cui vinse una Coppa di Lega inglese), Aston Villa ed Everton.
In nazionale solo 17 presenze e 3 gol, vittima di una generazione sfortunata del calcio francese che, con lui, Cantona e Papin in attacco, mancò la qualificazione ai Mondiali di U.S.A. ’94.

Guarda alcune delle migliori giocate del Ginola calciatore:

 

Mario Cipriano