Juventus

Juventus

La vittoria di ieri contro il Parma ha riacceso l’entusiasmo in seno alla tifoseria bianconera. Una gara dominata dal primo all’ultimo minuto, fattore che mancava da anni, dopo varie stagioni di magra.
La gara contro la formazione di Colomba ha evidenziato alcuni aspetti della nuova Juve targata Antonio Conte. La prima caratteristica che ha sorpreso è il pressing, asfissiante verso i portatori di palla della squadra avversaria, fondamentale nella vittoria di ieri. Poi c’è la voglia, la cattiveria, la convinzione, vero marchio di fabbrica del tecnico pugliese, alla sua prima gara ufficiale sulla panchina bianconera.

Un pizzico di emozione c’è stata, ma dopo il fischio d’inizio via i sentimenti e attenzione solamente al campo. Nel dopo gara Conte ha voluto ammonire tutta la classe arbitrale “vogliamo equità di giudizio”. La Juventus infatti recrimina per un rigore sacrosanto negato a Matri, e una realizzazione annullata alla stesso attaccante ex Cagliari per un fuorigioco inesistente. Si era ancora sull’1-0 e la gara poteva prendere una piega totalmente diversa.


Rispetto alla scorsa stagione la squadra bianconera ha l’imbarazzo della scelta anche per quanto concerne la panchina. Basti pensare che ieri non è subentrata gente del calibro come Elia e Toni, a dimostrazione della buonissima rosa che Beppe Marotta ha costruito. E poi dobbiamo dare un merito al dirigente bianconero, quello di aver acquistato Andrea Pirlo. Un parametro zero della sua classe, lasciato libero dal Milan, sicuramente un errore di cui si pentiranno i dirigenti rossoneri. Anche Buffon è entusiasta dell’acquisto dell’ex rossonero che a Radio Montecarlo l’ha definito “affare del secolo”. Con due assist il nuovo maestro del centrocampo bianconero si è guadagnato la palma di migliore in campo.

Ora ci chiediamo, con gente che si chiama Pirlo, Vidal, Marchisio, Del Piero (oggi come 18 anni fa esordiva in bianconero ndr), Vucinic, e tanti altri campioni, la Juventus può ambire a dar fastidio alle pretendenti al titolo? Il Milan è favorito, l’Inter vista ieri a Palermo non convince, a differenza del Napoli autore di una bella prova in quel di Cesena. La nostra risposta è si allora, in virtù dell’assenza di impegni nelle coppe europee di Madama. Antonio Conte, abituato alle pressioni e persona molto umile, sta volando basso, ma sotto sotto spera anche lui nella sorpresa finale…

Matteo Brancati

————————————————————————————
ULTIMA NOVITA’: aperta la Serie D. Collabora con noi per inserire la TUA SCHEDA CALCIATORE, scrivi a redazione@tuttocalciatori.net
————————————————————————————