A 66 muore l’ex nazionale olandese, in rete nella finale del Mondiale 1978.

Nanniga nella finale Olanda-Argentina

Nanniga nella finale Olanda-Argentina

È morto il grande Dick Nanninga, ex attaccante della nazionale olandese di Johann Cruyff che face epoca negli anni ’70.  Nanninga segnò il gol che tenne vive le speranze degli orange nella finale del Mondiale 1978 contro l’Argentina a Buenos Aires. Una storia di vta triste quella di questi ultimi anni di Nanninga, morto a 66 anni e da tempo malato: nel 2012 rimase in coma per quasi cinque mesi a causa di un diabete e in seguito gli furono amputate le gambe.


In 15 presenze in nazionale, tra il ’78 e l’81, Nanninga segnò in tutto sei reti. Ha legato il suo nome da calciatore al Roda di Kerkrade, nel quale giocò 8 anni e di cui è tuttora il migliore marcatore con 107 reti realizzate. Quel giorno a Buenos Aires passò dal semianonimato al restare per sempre nella storia del calcio. Subentrato a Rep nel secondo tempo fece accarezzare all’Olanda di vincere un Campionato del Mondo. Ma la sua gloria durò pochissimo. Giusto il tempo dei supplementari quando Mario Kempes decise che sarebbe stato il suo di nome a diventare leggenda.