Foggia-Catanzaro, Iemmello è tifoso delle due squadre

Pietro Iemmello

Pietro Iemmello

Pietro Iemmello non è solo un calciatore. E’ anche un tifoso. Chi ha seguito la sua vicenda recente, questa estate, sa il perchè di questa definizione. Il giocatore calabrese ha fatto parlare di sè. E’ di proprietà dello Spezia che lo aveva ceduto al Lanciano questa estate dove avrebbe potuto tornare a misurarsi in serie B. Ma lui, dopo aver accettato, ha detto “no, grazie” sbattendo la porta e lasciando il ritiro della squadra abruzzese per tornare dal suo amato Foggia. O coi satanelli oppure non scendo in  campo: questo in sostanza il suo pensiero. La società pugliese lo ha accolto a braccia aperte e sicuramente il suo legame con la maglia rossonera è qualcosa di speciale. Ripetere inoltre l’annata scorsa in termini di prestazioni sarebbe un bel traguardo.

La squadra di De Zerbi, data fra le favorite per la vittoria finale del campionato, è pero scivolata alla prima giornata a Pagani, battuta 2-1 dai locali. Domenica prossima allo Zaccheria il Foggia è chiamato a riscattarsi e contro un avversario mica facile come il Catanzaro. Un vero test che dirà se i satanelli abbiano dimenticato o meno l’amnesia di domenica scorsa. E oltre a essere una partita di cartello, Foggia-Catanzaro è il derby del cuore di Iemmello.

Per me è una partita speciale perchè sono nato a Catanzaro e tifo Catanzaro, però dopo l’anno scorso tifo anche Foggia. Durante i 90 minuti sarà una partita come le altre, sarà concentrato come fosse una partita qualsiasi. Dentro di noi siamo delusi, dopo la partita di Pagani non vedevamo l’ora di giocare la prossima partita, siamo carichi perchè abbiamo subito l’occasione di riscattarci.

Non solo Foggia, dunque. C’è un altro amore calcistico nel cuore di Pietro. “Se dovessi far gol non esulterei, come mi è già capitato l’anno scorso – ha aggiunto. Chissà che il futuro non ci regali un’altra love story calcistica, stavolta a tinte giallorosse.