Abbiamo raccolto le voci dei protagonisti alla fine del match del Riviera delle Palme.

Ottavio Palladini

Ottavio Palladini, tecnico della Sambenedettese

Al termine del match che ha visto prevalere, in rimonta, la Sambenedettese abbiamo raccolto le voci dei protagonisti.

FEDELI: Nel calcio può succedere di tutto. Loro hanno fatto un mezzo tiro e con un indecisione del nostro portiere. Nel primo tempo non riuscivamo a buttarla dentro. Mi è piaciuta la determinazione della squadra. Io ero sceso negli spogliatoi e ho chiesto che dovevamo dimostrare di essere una squadra. Non mi aspettavo di avere un bel vantaggio alla fine del girone d’andata. Palladini ha dimostrato tutto il suo valore ed è stata una sorpresa. Spero di continuare con lui a lungo.

EPIFANI: Abbiamo interpretato bene il primo tempo grazie al nostro vantaggio e poi nel secondo tempo è stata un’altra partita con la Samb che è meritatamente prima e con un pubblico straordinario. Sapevo che qui era difficile vincere e ci voleva anche fortuna. Io mi tengo i miei 24 punti conquistati nel girone d’andata.

PALLADINI: Ora in panchina ho giocatori che possono cambiare la partita. Abbiamo fatto un’ottima partita contro un avversario difficile. Dopo lo svantaggio siamo stati bravi a vincerla con la pazienza e con la calma. Ho ereditato una squadra che era prima e che aveva già delle qualità. Io e miei collaboratori abbiamo cercato di dare l’aggressività ai calciatori. Il campionato è ancora lungo e mancano ancora 17 partite e ce ne saranno tante difficili. C’è grossa sintonia sia con la società ed i collaboratori.


PEZZOTTI: Io non sono venuto a San Benedetto per giocare sempre. Io non ho problemi, faccio quello che ho sempre fatto e vado avanti per la mia strada. Quello che mi dispiace è che a volte escono fuori delle chiacchiere cattive intorno alla squadra che non merita. Una vittoria bella perche eravamo andati sotto poi abbiamo avuto una grandissima reazione e la vittoria è meritata.

SABATINO: Io sono portato più per correre e a volte mi faccio trovare al posto giusto al momento giusto. Non è stata semplice come gara, siamo rimasti compatti e abbiamo vinto. Abbiamo finito l’anno con otto punti sopra ma ora inizia un altro campionato

DIOMEDE: faccio tanti auguri ai tifosi della Samb perche se lo meritano. Noi stiamo cercando di recuperare tutti i trofei e manca la Coppa Italia vinta del 91. Per noi sarebbe un onore riaverla in bacheca. La famiglia Fedeli sta allestendo una società in modo tale che i calciatori pensino al calcio giocato. Il mister ci ha chiesto la punta ma vogliamo che arrivi una persona che capisca il nostro progetto. Stiamo parlando su 2-3 nomi ed in settimana valuteremo su chi puntare anche se su 17 partite abbiamo timbrato sempre il cartellino.