Home Calciatori e Club Notizie calcio Allenatori Arbitri Campioni Marcatori Albo d'oro Contatti
         Home > Campioni > Dettagli Campione
 ITALIA
  Serie A
  Serie B
  Serie C - A
  Serie C - B
  Serie C - C
  Serie D
  Primavera 1
  Primavera 2A
  Primavera 2B
  Eccellenza Emilia Romagna A
  Eccellenza Emilia Romagna B
  Eccellenza Liguria
  Eccellenza Lombardia A
  Eccellenza Lombardia B
  Eccellenza Lombardia C
  Eccellenza Marche
  Eccellenza Abruzzo
  Eccellenza Puglia
  Eccellenza Calabria
  Eccellenza Toscana A
  Eccellenza Toscana B
Higuita e i ritocchini »
  BIERHOFF OLIVER
Ruolo:
PUNTA


Nazionalità:
Germania
 

Nato il:
01/05/1968


Nato a:
Karlsruhe


Altezza: cm 191

Peso: Kg 86
  
  Carriera di BIERHOFF OLIVER
STAGIONESQUADRASERIEPRESENZEGOAL
1986-1987UERDINGEN 05 KFCA193
1987-1988UERDINGEN 05 KFCA121
1988-1989AMBURGOA246
1989-1990AMBURGOA10-
01/1990BORUSSIA MONCH.A8-
1990-1991SALISBURGOA3223
1991-1992ASCOLIA172
1992-1993ASCOLIB3520
1993-1994ASCOLIB3217
1994-1995ASCOLIB339
1995-1996UDINESEA3117
1996-1997UDINESEA2313
1997-1998UDINESEA3227
1998-1999MILANA3420
1999-2000MILANA3011
2000-2001MILANA276
2001-2002MONACOA184
2002-2003CHIEVOA267
  
  I fatti
Esordisce a 18 anni nella Bundesliga fra le fila del Uerdingen con il quale disputa suoi primi due campionati, prima di passare, nel 1988 all'Amburgo. Dopo un primo discreto campionato, a gennaio 1990 è ceduto al Borussia Mönchengladbach dove gioca solo pochi mesi.

Dopo la deludente stagione 1989-90 si accasa in Austria al Salisburgo, con il quale dimostra per la prima volta la sua stoffa di cannoniere di razza realizzando 23 reti. Anche gli osservatori italiani fanno caso a lui e a fine stagione si accorda con l'Inter che lo gira all'Ascoli del vulcanico Costantino Rozzi.

L'impatto con la Serie A non è dei migliori: 17 gare ed appena 2 reti. L'Ascoli è retrocesso in Serie B e in maglia bianconera Bierhoff disputa tre campionati cadetti. Il suo sarà un pronto riscatto, con il titolo di capocannoniere nel 1992-93 e di vice nel 1993-94. Nulla può alla terza stagione fra i cadetti per evitare la retrocessione agli ascolani, tuttavia riceve attestati di stima come quelli del focoso presidente Luciano Gaucci che promette di portarlo a Perugia in caso di promozione.

Mentre gli umbri sfiorano solamente la promozione che arriverà l'anno dopo, Bierhoff non rimane senza squadra: è l'Udinese ad aggiudicarsene i favori. Il possente centravanti tedesco non delude le aspettative, ma al contrario si rende protagonista di uno straordinario campionato realizzando ben 17 reti. Nel 1996-97 l'Udinese agguanta il quinto posto che significa partecipazione alla Coppa UEFA e proprio Bierhoff con i suoi gol diventa uno dei protagonisti di una squadra che stupisce l'Italia. L'anno dopo infatti è addirittura terzo posto dietro Juventus ed Inter, mentre Bierhoff sarà capocannoniere con 27 reti: era dal 1960-61 che un giocatore di Serie A non segnava tanto (all'epoca fu Sergio Brighenti). Bierhoff segna più reti anche del Fenomeno Ronaldo e si permette pure il lusso di fallire un rigore all'ultima giornata, quando ancora era aperta la lotta per il titolo di capocannoniere.

Proprio nel suo periodo ad Udine Bierhoff è convocato per la prima volta nella nazionale tedesca, con cui esordisce il 21 febbraio 1996 contro il Portogallo. Anche in nazionale il suo rullino di marcia è impressionante: in poco più di due anni mette a segno 20 reti. Soprattutto però è fra i protagonisti del titolo europeo del 1996: subentrato nella finale contro la Repubblica Ceca, mette a segno due gol fra cui il decisivo golden goal. Partecipa poi con la maglia tedesca anche ai mondiali di Francia del 1998 con 5 presenze e 3 gol.

Dopo il campionato del mondo passa in forza al Milan nel quale è chiamato a far coppia con George Weah: sarà ancora un Bierhoff scatenato, che supplisce alla sua non eccellente tecnica con un colpo di testa micidiale che gli permette di mettere a segno 20 reti in campionato. Il Milan conquista così lo scudetto, che sarà l'unico campionato nazionale vinto da Bierhoff.

I due anni successivi rimane al Milan, ma i suoi gol cominciano a diventare sempre più radi mentre si evidenziano sempre più i suoi difetti di lentezza e poca precisione al tiro, fino ad allora magistralmente bilanciati da una eccezionale media-gol. Nel 2001 passa perciò al Monaco e con i francesi sfiora addirittura la retrocessione.

Disputa i campionati del mondo del 2002 con la maglia tedesca, realizzando un gol nella partita-valanga contro l'Arabia Saudita. La Germania è sconfitta in finale dal Brasile: sarà questa per Bierhoff l'ultima partita in nazionale.

Tornato in Italia, disputa l'ultimo campionato in Serie A con il ChievoVerona segnando 7 reti.
  
  Palmares
1 Scudetto con il Milan nel 1999

1 Campionato Europeo nel 1996 con la Germania
  
Credits - Condizioni di utilizzo e Privacy - Sitemap - Archivio notizie calcio - RSS Notizie - Collabora con noi - Pubblicità
Norz S.r.l.
Via Tiepolo, 13/A
S. Benedetto del Tronto
63074 Ascoli Piceno
P.IVA 01907810442

Norz.it
TuttoCalciatori.Net, settimana n°523
Settimanale iscritto al Registro della Stampa
presso il Tribunale di Ascoli Piceno.
Iscrizione n. 493 del 25/05/2011
Registrazione al ROC n° 21496 del 15/09/2011
Direttore Responsabile: Domenico Marocchi
  Girone A
  Girone B
  Girone C
  Girone D
  Girone E
  Girone F
  Girone G
  Girone H
  Girone I