Home Calciatori e Club Notizie calcio Allenatori Arbitri Campioni Marcatori Albo d'oro Contatti
         Home > Campioni > Dettagli Campione
 ITALIA
  Serie A
  Serie B
  Serie C - A
  Serie C - B
  Serie C - C
  Serie D
  Primavera 1
  Primavera 2A
  Primavera 2B
  Eccellenza Emilia Romagna A
  Eccellenza Emilia Romagna B
  Eccellenza Liguria
  Eccellenza Lombardia A
  Eccellenza Lombardia B
  Eccellenza Lombardia C
  Eccellenza Marche
  Eccellenza Puglia
  Eccellenza Toscana A
  Eccellenza Toscana B
  ZOFF DINO
Ruolo:
PORTIERE


Nazionalità:
Italia
 

Nato il:
28/02/1942


Nato a:
Mariano del Friuli (GO)


Altezza: cm 184

Peso: Kg 79
  
  Carriera di ZOFF DINO
STAGIONESQUADRASERIEPRESENZEGOAL
1961-1962UDINESEA4-
1962-1963UDINESEB36-
1963-1964MANTOVAA27-
1964-1965MANTOVAA32-
1965-1966MANTOVAB38-
1966-1967MANTOVAA34-
1967-1968NAPOLIA30-
1968-1969NAPOLIA30-
1969-1970NAPOLIA30-
1970-1971NAPOLIA30-
1971-1972NAPOLIA23-
1972-1973JUVENTUSA30-
1973-1974JUVENTUSA30-
1974-1975JUVENTUSA30-
1975-1976JUVENTUSA30-
1976-1977JUVENTUSA30-
1977-1978JUVENTUSA30-
1978-1979JUVENTUSA30-
1979-1980JUVENTUSA30-
1980-1981JUVENTUSA30-
1981-1982JUVENTUSA30-
1982-1983JUVENTUSA30-
  
  I fatti
Si affacciò nel calcio professionistico a 19 anni grazie all'Udinese, squadra nella quale esordì in serie A il 24 settembre 1961 (Fiorentina-Udinese 5-2). Estremo difensore di sicura affidabilità e freddezza, Zoff divenne titolare della squadra friulana nella successiva stagione in serie B; il Mantova riportò nel 1963 il portiere in serie A e lo tenne fino al 1967, anno del passaggio al Napoli e dell'arrivo in Nazionale. Nella squadra azzurra si alternò spesso con Albertosi finché dal 1972 divenne il titolare indiscusso per 11 anni. Nello stesso anno Zoff fu ingaggiato dalla Juventus per difenderne la porta: fino alla fine della stagione 1982/83 non avrebbe più saltato una partita di campionato. Al sodalizio sportivo con la Juventus sono, inoltre, legate tutte le vittorie con squadre di club, sia come giocatore che come allenatore: in undici stagioni da portiere Zoff vinse per sei volte il titolo di campione d'Italia (1973, 1975, 1977, 1978, 1981, 1982, due Coppe Italia (1979, 1983) e una Coppa UEFA (1977).

E dire che Zoff nel 1964 difendendo la porta del Mantova contro la Juventus era stato incolpevole protagonista di un incidente di gioco ai danni del fuoriclasse bianconero Omar Sivori (che nello scontro ebbe 6 costole fratturate) che gli aveva attirato l'antipatia dei tifosi juventini.

Dal 1968 al 1983 Zoff difese in totale per 112 volte la porta della nazionale italiana, della quale, dopo Paolo Maldini (126 presenze) è il calciatore con più presenze. Ha vinto il campionato d'Europa nel 1968 in Italia e il campionato del mondo nel 1982 in Spagna, unico calciatore italiano del dopoguerra ad avere vinto sia la competizione mondiale che quella continentale per squadre nazionali (negli anni '30 la nazionale di Vittorio Pozzo vinse due mondiali e due coppe internazionali, l'equivalente dell'europeo, molti giocatori vinsero entrambi i trofei)

Alla fine della sua carriera di calciatore, Dino Zoff entrò nei ranghi tecnici della FIGC e gli venne affidata la conduzione della nazionale Olimpica, che riuscì a qualificare al torneo olimpico di Seoul nel 1988 (che l'Italia avrebbe chiuso al quarto posto).

Nell'estate del 1988 Zoff fu ingaggiato come tecnico della Juventus, con la quale rimase due stagioni, vincendo una Coppa Italia e una Coppa Uefa (entrambe nel 1990). Nello stesso anno assunse la guida tecnica della Lazio (squadra della quale ricoprì anche la carica di presidenze durante la discussa gestione proprietaria di Sergio Cragnotti).

Nel 1998, a seguito dell'eliminazione della Nazionale ai quarti di finale del campionato del mondo di Francia, Zoff fu chiamato a sostituire Cesare Maldini in vista del campionato europeo del 2000 in Belgio e Paesi Bassi. Sotto la guida di Zoff l'Italia arrivò in finale dopo avere eliminato in semifinale proprio l'Olanda padrona di casa; la Francia, dopo essere stata in svantaggio fino nei minuti di recupero, pareggiò a pochi secondi dalla fine con Wiltord e vinse al golden goal con Trézéguet. Al termine della partita Zoff si vide criticato aspramente, al limite dell'offesa, da Silvio Berlusconi, presidente del Milan e all'epoca capo dell'opposizione[1], alle quali Zoff reagì con le dimissioni irrevocabili in segno di protesta.

La più recente esperienza in panchina di Zoff risale al campionato 2004/05,quando condusse la neopromossa Fiorentina alla salvezza in Serie A, subentrando all'esonerato Sergio Buso.

Nel 2005, per celebrare il proprio 50° anniversario, l'UEFA invitò ogni federazione nazionale ad essa affiliata di indicare il proprio miglior giocatore dell'ultimo mezzo secolo. La scelta della FIGC ricadde su Zoff, designato quindi Golden Player dall'UEFA.
  
  Palmares
570 partite in serie A, un record.

6 Scudetti tutti con la Juventus

2 Coppe Italia con la Juventus

1 Coppa Uefa con la Juventus (1977)

Campione del Mondo nel 1982 con l'Italia.
  
Credits - Condizioni di utilizzo e Privacy - Sitemap - Archivio notizie calcio - RSS Notizie - Collabora con noi - Background Photo by Thomas Serer on Unsplash
Norz S.r.l.
Via Luciano Manara, 136
S. Benedetto del Tronto
63074 Ascoli Piceno
P.IVA 01907810442

Norz.it
TuttoCalciatori.Net, settimana n°431
Settimanale iscritto al Registro della Stampa
presso il Tribunale di Ascoli Piceno.
Iscrizione n. 493 del 25/05/2011
Registrazione al ROC n° 21496 del 15/09/2011
Direttore Responsabile: Domenico Marocchi
  Girone A
  Girone B
  Girone C
  Girone D
  Girone E
  Girone F
  Girone G
  Girone H
  Girone I